Al Rifugio Antonio Omio in Val Masino


In Val Masino, fino al Rifugio Antonio Omio, sulla testata della Val dell'Oro

Rifugio Antonio Omio
Rifugio Antonio Omio

Volevo suggerirvi un altro itinerario, sempre in Val Masino.
Vi porto a raggiungere il Rifugio Antonio Omio situato nella testata della Val dell' Oro. Il punto di partenza sono i Bagni di Masino (1172 mslm), si segue la mulattiera che attraversa la pineta e giunti al ponticello sul torrente Porcellizzo (cartello indicatore) si ignora il sentiero a destra, e si attraversa. Si prende il sentiero a destra e per prati fra due torrenti ci si inoltra per il bosco, si segue il sentiero già ripido e ad un bivio si prende quello di destra. Seguendo detto sentiero si giunge all'Alpe dell' Oro (1767 mslm). Dove si vedono i ricoveri ricavati sotto enormi massi, si possono ammirare la Punta Fiorelli e il Madaccio. Si segue il sentiero che si snoda da prima sotto un contrafforte del Barbacan e poi per risalti erbosi e placche badando alle segnalazioni in poco tempo si raggiunge il Rifugio A. Omio (2100 mslm) . Merita uno sguardo l'ampio panorama, lo sguardo spazia sulle cime del Calvo, Ligoncio, i Pizzi dell' Oro e la bella e slanciata Punta Milano . Da qui volendo si può raggiungere il Rifugio Gianetti Passando dal Passo del Barbacan.
Tempo di percorrenza dai Bagni di Masino circa 2,30 ore.
Dislivello 930 metri.
Difficoltà EE

(testo Marco Codazzi)