Quale Impianto di Riscaldamento Scegliere?


La scelta del tipo di impianto di riscaldamento più adatto alle proprie esigenze è legata a fattori variabili da tenere in considerazione.

foto nelcuoredellealpi.com
foto nelcuoredellealpi.com

Nella scelta del tipo di impianto di riscaldamento bisogna innanzitutto aver chiare le proprie esigenze legate alla vita quotidiana, inoltre ogni tipologia di riscaldamento ha pregi e difetti. Nessuna soluzione è perfetta, bisogna solamente individuare la migliore scelta possibile. I sistemi di riscaldamento sono il Caminetto, il Riscaldamento a Pavimento, il Riscaldamento a Parete o a Battiscopa che sono alimentati da diversi carburanti.

Il Caminetto è, forse la soluzione più economica ed ecologica, bello esteticamente ma impegnativo come gestione. Dal punto di vista della resa termica, è una delle soluzioni meno efficaci e che richiede molta manutenzione, spesso poco agevole.
Il Riscaldamento a pavimento è, attualmente, il sistema di riscaldamento più utilizzato nelle nuove costruzioni, soprattutto nelle costruzioni di bioedilizia; e in caso di ristrutturazioni in quanto ha un ottimo rapporto costi/benefici poichè la temperatura di esercizio di 30°-35° circa, porta a un buon risparmio energetico. Un altro punto a favore, sta nel fatto che il calore si diffonde per irraggiamento, permettendo una temperatura costante ed uniforme in tutto l’ambiente. Il riscaldamento a pavimento ha anche un vantaggio estetico: lasciando libere le pareti rimane più spazio disponibile da essere arredato
Il Riscaldamento a parete si basa, anch’esso, sul principio di propagazione a irraggiamento, ma è più vincolante riguardo la posizione di eventuali mobili sulle pareti. Inoltre, mandando il calore verso l’alto la diffusione è meno omogenea, rischiando l’effetto “testa calda piedi freddi”.
Il Riscaldamento a battiscopa è un sistema simile a quello a pavimento, ma molto più economico e conveniente soprattutto in caso di ristrutturazione poco invasiva. Propaga il calore per irraggiamento, però è più vincolante rispetto al riscaldamento a pavimento, in quanto cedendo calore alle pareti vincola nella scelta dell’arredamento.

Scelto il sistema di riscaldamento bisogna scegliere il tipo di combustibile da utilizzare; la scelta parte da caldaia, caminetto o stufa, il cui vantaggio più evidente è il costo iniziale, poi influisce la manutenzione dell’impianto. Vediamo ora i pro e contro di ogni combustibile
Impianti a gasolio: il gasolio ha un costo elevato, mentre l’impianto ha costi di installazione medi. C’è bisogno di spazio per la cisterna, è un combustibile altamente inquinante che comporta anche rischi ambientali per il trasporto. Il vantaggio è la praticità d’uso.
Impianti a metano: l’investimento iniziale è contenuto, così come il combustibile ha un costo medio, l’impianto è poco ingombrante ed il combustibile poco inquinante. Anch’esso vanta una buona praticità d’utilizzo
Impianti a GPL: simile al metano come costi iniziali e praticità d’utilizzo, ha un costo molto più elevato come carburante
Impianti a pellets e legna: sono sistemi più ecologici e con carburante con costo più basso dei precedenti; richiedono maggiore manutenzione e più costante pulizia. Richiedono, inoltre, molto spazio per stipare il combustibile.
Teleriscaldamento a biomassa (la parte biodegradabile dei prodotti e residui di origine biologica) è un sistema molto ecologico che non richiede spazi di stoccaggio ed ha un costo medio sia come combustibile che come investimento iniziale
Pompe di calore con sonde geotermiche: (la geotermia è l’estrazione del calore dagli strati più profondi della crosta terrestre) ha un basso costo del combustibile, ma l’investimento iniziale è molto elevato. Risulta essere uno dei sistemi di riscaldamento più ecologico.

Insomma, tatni sono i fattori da prendere in considerazione nella scelta del sistema di riscaldamento, ed è sempre consigliabile chiedere la consulenza di un esperto.